Dispensa n. 9

Marzo, 2018

Non sono una mattiniera e amo dormire più a lungo possibile, però per questo nuovo Dispensa ho puntato la sveglia prima del consueto e chiesto agli autori di fare altrettanto, per vedere cosa succede quando noi di solito stiamo ancora dormendo. Perché certe cose si possono fare o vedere solo al mattino. C’è chi molto presto è andato al Mercato ittico di Milano, chi ha fotografato l’alba in Sicilia e chi a Rimini, C’è chi si è fatto fare la barba, chi ha sbirciato nei corridoi di un Grand Hotel per seguire il servizio in camera delle colazioni, chi ha raccolto zafferano prima che sorgesse il sole e chi ha seguito il rito della macellazione del maiale iniziato poco dopo l’alba. La mattina presto è una cosa personale, ognuno ha un proprio rito e ritmo. Lo abbiamo chiesto a chef e amici e li abbiamo svegliati tutti: Enrico Crippa, Mauro Colagreco, Antonia Klugmann, Niko Romito, Maria Luisa Frisa, Corrado Assenza e molti altri. La mattina è anche un’immagine della vita aperta a vari significati: è metafora di inizio e rinnovamento, ma anche concentrazione di ricordi, rivelazioni e promesse.