Dispensa n. 1

Marzo, 2014

Tutte le grandi cose hanno piccoli inizi. E gli inizi sono spesso una domanda. Abbiamo deciso di dedicare il nostro piccolo inizio, il Numero Uno di Dispensa, agli animali e al rapporto che abbiamo con essi, scegliendo un tema che ci ponesse delle domande. Nelle pagie che stare per sfogliare ne trovate parecchie. Il rapporto con il cibo animale, con la carne soprattutto, è un rapporto complicato. Sicuramente non è una questione di stomaco, più che altro di coscienza. E tra chi sceglie di non mangiare carne e chi la mangia senza porsi tante domande, c’è una terza via. Quella più interessante: di chi alleva, caccia, macella, cucina, mangia carne in modo consapevole, etico e coscienzioso. Abbiamo allora percorso quella via, abbiamo raccontato di allevatori fuori dal comune, di animali selvatici, di macellai rivoluzionari, di cacciatori moderni e di cucine di carne. (…) Ho un’ultima domanda per voi: se Dispensa fosse un animale, quale sarebbe? Una foodzine di carta nell’epoca del digitale è come un pesce fuor d’acqua? Indipendente come una pecora nera? Unica come una mosca bianca? Lontana dalle logiche codificate come un salmone che nuota controcorrente? Libero, raro, fantastico e pieno di passione come un unicorno? Decidetelo voi.